1936

1 GENNAIO La Galleria della Cometa apre il nuovo anno con le sculture di Mirko. Alla fine del mese Cagli espone presentato da Libero de Libero.

25 GENNAIO Si inaugura nel palazzo delle Belle Arti di Budapest l‘Esposizione d’Arte Italiana Contemporanea. Preparata fin dal 1935 a cura della Biennale di Venezia e affidata direttamente ad Antonio Maraini, la mostra presenta un gruppo notevole di artisti italiani. Tra quelli delI’ambiente romano espongono: Corrado CagliGiuseppe CapogrossiEmanuele CavalliLeonetta Cecchi PieracciniAntonio DonghiFerruccio FerrazziRiccardo FrancalanciaGuglielmo Janni, Mario MafaiCipriano Efisio OppoFausto PirandelloLuigi TrifoglioFrancesco Trombadori, Alberto Ziveri, Luigi BartoliniAfro Basaldella.

26 FEBBRAIO Alla Cometa, mostra personale di Alberto Ziveri , presentato da Roberto Melli . Tra le recensioni, una breve nota di Giorgio Prosperi sembra cogliere alcuni tratti del suo lavoro: “la pittura di Ziveri non è quel che si dice ‘piacente’ […] bisogna fissarla, osservarla, centellinarla quasi centimetro per centimetro per vederla sciogliersi dalla sua ritrosia. […] Ziveri avanza lentamente, senza clamori ma senza lasciarsi dietro vuoti o sofismi: andrà lontano” (“Il Piccolo”, Trieste, 17 marzo).

MARZO A Palazzo delle Esposizioni si inaugurano la VI Sindacale, la I Mostra Del cartellone, la I Mostra d’arte sportiva. Alla Sindacale molte sale interessanti:la I sala vede insieme JanniPirandelloGentilini e sette ritratti in legno e pietra di FazziniMafai (tre nature morte con fiori), Ferrazzi e Omiccioli. Nella XIII , Adriana Pincherle e Maria Mancuso accanto a una piccola personale (nove opere), di Corrado Cagli e a tre nature morte di Severini; nella XIV ZiveriCapogrossiCavalli, Monti.

27 APRILE Seconda personale di Guglielmo Janni alla Cometa.

9 MAGGIO Manifestazione per la proclamazione dell’Impero.

13 MAGGIO Ultimo concerto all’Augusteo.

15 MAGGIO Alla Cometa mostra di  Katy Castellucci e Adriana Pincherle seguiranno, in giugno, la personale di Ezio Sclavi e una collettiva degli esordienti Giovanni D’Aroma, Carlo Toppi, Domenico Purificato.

1 GIUGNO La Biennale si svolge in un clima di confronto collettivo favorito anche dall’attività della Galleria della Cometa. A Venezia espongono numerosi artisti “romani”: Ferrazzi con una personale, Cagli con la caccia e sei nature morte di soggetto analogo e quelle della Quadriennale, con accostamenti di fiori, strumenti musicali e piccoli paesaggi sullo sfondo; Capogrossi con sette opere tra cui due quadri di maschere e un Ballo sul fiume fra i suoi temi preferiti del periodo; Ziveri con cinque opere tra cui i Giovani atleti e i Giocatori di birilli Janni con tre quadri di cui uno dedicato al tema della palestra, uno di quei soggetti “mediterranei” che affascinavano la critica francese da Waldemar George a Paul Fieréns, e ancora MafaiPirandelloGuttusoAfro e Mirko.

29 GIUGNO Muore Ettore Petrolini.

OTTOBRE Mussolini, durante una seduta solenne in Campidoglio, annuncia la preparazione dell’Esposizione universale di Roma, da tenersi nel 1942.

Si tiene a Roma , presso l’Accademia dei Lincei, sotto gli auspici della Fondazione Volta un importante convegno sul “Rapporto dell’architettura e le arti figurative” (gli atti sono pubblicati nel 1937). Alla relazione di Maraini seguono gli interventi di André Lothe, di Severini (“arte aristocratica e nello stesso tempo risultato di tutto un popolo”) Maurice Denis Carena e Oppo. Alla relazione di Roberto Papini seguono gli interventi di Carlo Carrà, Felice Casorati Marinetti. Alla relazione di Carena seguono due contrapposti interventi: quello di Severini attento alla teoria (il nombre d’or, la costruzione modulare) e quello di Ferrazzi attento alla didattica e alla necessità di trasmettere una tecnica. Ferrazzi è un rappresentante dell’Accademia d’Italia ma il suo intervento all’interno di questo consesso internazionale, è pacato e tecnico: “Otto anni d’insegnamento m’hanno convinto che la scuola di decorazione, perché possa servire ai giovani che si indirizzano verso la pittura murale, deve avere carattere Prevalentemente pratico e realistico, in relazione con la vita. La scuola dovrà formare attorno ai giovani quel ‘clima’ di semplice, austera disciplina di mestiere, che doveva esistere nei rapporti tra maestro e allievo in quelle nostre ‘botteghe’ di artigiani e artisti che dal Duecento, per certe arti fino al Settecento, guidate da un capo d’arte lasciavano spesso in forma anonima cicli di decorazioni notevoli o addirittura grandiose”

Ai Mercati Traianei si inaugura la II Mostra nazionale di plastica murale per l’edilizia fascista in Italia e in Africa. E’ organizzata dal movimento futurista e presieduta da Marinetti .

20 OTTOBRE Mussolini visita ufficialmente la zona delle Tre Fontane, destinata allo svolgimento dell’Esposizione universale. la zona, in posizione tangenziale all’autostrada Roma-Ostia, viene prescelta nell’intento di orientare verso il mare lo sviluppo urbano. Il collegamento con il centro storico è assicurato da grandi arterie e dalla metropolitana . il piano prevede anche la costruzione di edifici duraturi, tra cui il Museo della Romanità, il Museo delle Forze Armate e i Musei della piazza imperiale.

28 OTTOBRE Si inizia a demolire la “spina” dei Borghi.

16 DICEMBRE Si inaugura la I Mostra nazionale dell’educazione tecnica.

28 DICEMBRE la legge n. 2174 indice per il 1942 l’Esposizione universale.

31 DICEMBRE I romani sono 1 .155.722. Al cinema trionfano le commedie rosa: un esempio è Non ti riconosco più con De Sica, Merlini, Viarisio. Dall’altra parte, Squadrone bianco di Genina propone la guerra d’Africa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *